Manager della privacy, verso una norma UNI per la professione

Chi sono i manager responsabili della sicurezza e della privacy nelle aziende? Di fatto, le persone che supervisionano le procedure e verificano i sistemi di gestione dei dati? Una domanda più che lecita fino a ora. Visto che non esiste, almeno in Italia o in Europa, una normativa condivisa e regole comuni che disciplinino queste figure professionali. Ma ancora per poco. Forse.

Sembra, infatti, che finalmente la situazione di stallo si stia sbloccando: sono giunti segnali forti dal Consiglio d’Europa, che ha dato il via libera all’apertura dei negoziati finali per arrivare all’approvazione del nuovo regolamento entro l’anno; inoltre, in ambito di normazione tecnica, è appena partita ufficialmente l’inchiesta pubblica preliminare per arrivare alla pubblicazione di una Norma UNI in grado di definire i profili delle figure professionali che si occupano di privacy.

Federprivacy, associazione di categoria professionale, fa notare come le nazioni dove il privacy officer è previsto dagli ordinamenti locali, «siano anche quelle dove il commercio online produce fatturati maggiori, come in Francia e in Germania, dove vale rispettivamente 56,8 e 70 miliardi di euro annui, anche se la regina europea degli acquisti online è il Regno Unito con 122 miliardi».

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *